Il Dizionario Automazione

  • Banner Automatiostory
  • Banner Elettrificazione Academy
  • Banner Visione Industria
  • Siemens - Banner
  • banner-finder
  • wenglor banner
  • Banner Youtube Editoriale Delfino
  • Banner Editoriale Delfino
Cerca un'altra parola

Atex

en-lang ATEX

Con il termine ATEX si designano alcune Direttive Europee che regolamentano la classificazione delle aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive, e che accompagnano la scelta, la costruzione e la valutazione dei rischi delle apparecchiature per zone pericolose.

Una atmosfera esplosiva (ATEX, ATmosphere EXplosive) è una miscela di sostanze infiammabili allo stato di gas, vapori, nebbie o polveri con aria, in determinate condizioni atmosferiche nelle quali, dopo l’innesco, la combustione si propaga alla miscela infiammabile. Affinché si formi un’atmosfera potenzialmente esplosiva, dev’essere presente una sorgente di innesco e una concentrazione di sostanze comprese tra il limite minimo (LEL) e massimo (UEL) di esplosività. I limiti di esplosività dipendono dalla pressione dell’ambiente e dalla percentuale di ossigeno presente nell’aria.

La sicurezza intrinseca è la principale tecnica di prevenzione del rischio di incendi e di esplosioni causati da apparati elettrici e strumentazione elettronica. Per una scelta corretta di apparati, dispositivi e strumentazione da utilizzare è necessario conoscere a quale gruppo di sostanze esplosive appartengono le miscele infiammabili eventualmente presenti nell’ambiente.

Direttive ATEX

 Nell’ambito del rischio dovuto alla presenza di atmosfere potenzialmente esplosive, l’Unione Europa ha adottato due direttive armonizzate in materia di salute e sicurezza, note come ATEX 94/9/CE (ATEX 100a) e ATEX 99/92/CE (ATEX 137). La direttiva ATEX 94/9/CE stabilisce i Requisiti Essenziali di Sicurezza per prodotti e sistemi di protezione destinati a essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive e le relative procedure per la conformità. La direttiva ATEX 99/92/CE definisce invece i requisiti minimi in materia di salute e sicurezza dei luoghi di lavoro con presenza di atmosfere potenzialmente esplosive, suddividendoli in zone, in funzione della probabilità di presenza di atmosfera esplosiva. La Nuova Direttiva ATEX 2014/34/UE, entrata in vigore il 30 marzo 2014 abrogando la direttiva 94/9/CE con effetto decorrente dal 20 aprile 2016, impone la certificazione ATEX a tutti i prodotti commercializzati nell’Unione Europea se installati in luoghi a rischio di esplosione.

Classificazione delle aree a rischio esplosione

Per quanto concerne la classificazione delle aree in cui possono formarsi atmosfere esplosive, l’articolo 293 del D.Lgs. 81/08 obbliga il datore di lavoro a ripartire i luoghi di lavoro in zone specifiche. Si può fare inoltre riferimento alle norme tecniche armonizzate CEI EN 60079-10. In funzione di tale classificazione delle aree con rischio di esplosione, tutti gli apparecchi e gli impianti elettrici installati all’interno di tali zone ATEX dovranno risultare compatibili, al fine di rendere non possibile l’innesco dell’atmosfera esplosiva.

Le aree a rischio di esplosione sono dunque ripartite in zone (0, 1, 2, 20, 21, 22) definite in base alla frequenza e alla durata della presenza di atmosfere esplosive sotto forma di miscele di gas, vapori, nebbie, polveri. In tali aree si possono installare e utilizzare le categorie di apparecchi secondo lo schema riportato nella tabella sottostante.

Livello di protezione Categoria Prestazioni richieste Condizioni di funzionamento
Gruppo I Gruppo II
Molto elevato M1   Due mezzi di protezione indipendenti o sicurezza garantita anche qualora si manifestino due guasti indipendenti uno dall’altro Gli apparecchi restano alimentati e in funzione anche in presenza di atmosfera esplosiva
Molto elevato   1 Gli apparecchi restano alimentati e in funzione nelle zone 0,1,2 (G) e/o 20, 21, 22 (D).
Elevato M2   Protezione adatta al funzionamento normale e a condizioni di funzionamento gravose. Gli apparecchi devono interrompere l’alimentazione di energia in presenza di atmosfera esplosiva nelle zone 1,2 (G) e/o 21, 22 (D)
Elevato   2 Protezione adatta al funzionamento normale e a disturbi frequenti o apparecchi in cui si tenga normalmente conto dei guasti. Gli apparecchi restano alimentati e in funzione nelle zone 1, 2(G) e/o 21, 22 (D)
Normale   3 Protezione adatta al funzionamento normale. Gli apparecchi restano alimentati e in funzione nelle zone 2 (G) e/o 22 (D)

Tab.1 Suddivisione gruppi e categorie di apparecchi


Cerca un'altra parola
  • Banner Elettrificazione Academy
  • Banner Editoriale Delfino
  • Banner Youtube Editoriale Delfino
  • Banner Automatiostory
  • Banner Visione Industria
  • banner-finder
  • Siemens - Banner
  • wenglor banner

CHI SIAMO

› Il progetto


› Links


› Contatti

DISCLAIMER

› Condizioni d’uso


› Privacy


› Cookie policy


› Copyright