Il Dizionario Automazione

  • Banner Automatiostory
  • Banner Elettrificazione Academy
  • Banner Visione Industria
  • Siemens - Banner
  • banner-finder
  • wenglor banner
  • Banner Youtube Editoriale Delfino
  • Banner Editoriale Delfino
Cerca un'altra parola

RFID, Radio Frequency Identification

en-lang RFID, Radio Frequency Identification

Riconducibile all’ambito delle reti WPAN/WLAN, la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification) assicura comunicazioni sicure e real-time per identificare merci, prodotti e mezzi mobili. Le bande di trasmissione RFID variano tipicamente da 125 kHz a 2.45 GHz in base al tipo di applicazione.

L’origine della tecnologia RFID risale a circa sessant’anni fa, quando nel corso della Seconda Guerra Mondiale furono realizzati i primi sistemi radio in grado di identificare a distanza le posizioni di aerei e navi militari. La tecnologia RFID indica attualmente sistemi automatici di acquisizione dati e identificazione, attraverso i quali i dati vengono trasmessi con onde radio o impulsi elettromagnetici. Oggi da alcune parti si paragona l’impatto della tecnologia RFID a quella di Internet, soprattutto per la grande quantità di dati che essa fornisce e che può essere trasformata in conoscenze aziendali strategiche. L’elemento caratterizzante della tecnologia RFID è il tag o transponder, applicato direttamente agli oggetti da identificare e tracciare (ad esempio pallet, container, pacchi, scatole e confezioni). Il tag è il supporto del sistema dove vengono memorizzati i dati di identificazione, oltre ad occuparsi del controllo della ricetrasmissione dei dati. Il transponder può assumere l’aspetto di un’etichetta o di un chip della grandezza di pochi millimetri. Resistente alle sollecitazioni e alle variazioni di temperatura, il transponder può essere alimentato anche attraverso il campo elettromagnetico prodotto a distanza da un lettore e ricevuto attraverso un’antenna collegata. I tag possono essere passivi o attivi. I primi non contengono batterie, ma vengono alimentati dal lettore. Quando le onde radio emesse dal lettore vengono ricevute, l’antenna a spirale genera un campo magnetico. Il tag trae energia da questo campo magnetico, alimentando i circuiti. I tag attivi sono invece dotati di batterie utilizzabili come fonti di alimentazione totale o parziale per la parte circuitale e l’antenna. In alcuni casi contengono batterie ricaricabili che durano anni; altri consistono in unità sigillate. Sia i transponder passivi che quelli attivi trasmettono in range di funzionamento standard come 125-134 kHz, oppure in bande intorno a 13.56 MHz e 900 MHz; i tag attivi possono lavorare fino a 2.4 o 5.8 GHz. Recentemente è stata introdotta una terza categoria, quella dei tag per la rilevazione dei parametri ambientali: sono dotati di batteria e di circuiti che leggono e trasmettono dati diagnostici ai rispettivi sistemi di rilevamento. Oltre al tag un sistema RFID comprende un lettore e un sistema di elaborazione dati. Il lettore (o reader o transceiver) è il componente elettronico in grado di interrogare il transponder, recuperare e decifrare i dati contenuti nel suo interno, gestire le collisioni tra i messaggi di risposta e interfacciarsi con un sistema informativo esistente (computer, controllore industriale ecc.). Rispetto ai tradizionali sistemi di identificazione con codici a barre, il lettore non necessita della visibilità ottica rispetto all’etichetta. Normalmente è composto da due parti: l’unità di controllo e le antenne. Il primo è un vero e proprio microcalcolatore che si occupa della comunicazione con i transponder e l’elaborazione dati, mentre le antenne sono le reali interfacce fisiche tra i tag e l’unità di controllo.

 

RFID e NFC

 

Negli ultimi anni stanno emergendo ulteriori tecnologie di prossimità legate al mondo RFID. Tra queste ZigBee, UWB e NFC (Near Field Communication). Quest’ultimo standard permette una comunicazione bidirezionale di tipo peer to peer alla frequenza operativa di 13,56 MHz e con velocità di trasmissione massima di 424 kbps. Un sistema di identificazione NFC prevede l’accoppiamento in un solo circuito di un lettore e di un tag (passivo o attivo) con caratteristiche delle smart card senza contatto. Le applicazioni RFID-NFC riguardano in prevalenza la comunicazione sicura per pagamenti elettronici e ticketing.

 


Cerca un'altra parola
  • Banner Elettrificazione Academy
  • Banner Editoriale Delfino
  • Banner Youtube Editoriale Delfino
  • Banner Automatiostory
  • Banner Visione Industria
  • banner-finder
  • Siemens - Banner
  • wenglor banner

CHI SIAMO

› Il progetto


› Links


› Contatti

DISCLAIMER

› Condizioni d’uso


› Privacy


› Cookie policy


› Copyright